La Simmenthal fa male?

  • By Monica
  • Marzo 4, 2022
  • 0
  • 21 Views
simmenthal

Conosciamo tutti il marchio Simmenthal, sicuramente il più famoso per quanto riguarda il commercio della carne in scatola in Italia, grazie alla quale viene distribuita carne scelta di bovino avvolto in gelatina.

Un alimento veloce che spesso arricchisce insalate o si presta benissimo a pasti saporiti da consumare fuori casa.

Tuttavia, non è insolito nel web trovare dubbi circa la salubrità di questo alimento. Questo articolo nasce per far luce sulla questione.

Da cosa è composta la Simmenthal?

Il noto marchio italiano ormai ha fatto il giro del mondo, ma in pochi sanno che trae origini dal bollito del gastronomo milanese Pietro Sada, per poi essere registrato come brand di carne in scatola nel 1923, prendendo il nome dalla Valle (Tal) del Simmen in Svizzera, patria di una pregiata razza bovina.

Da quegli anni ne è stata fatta di strada e al giorno d’oggi Simmenthal vanta la produzione di altri prodotti contenenti sempre carne, ma con preparazioni più elaborate e differenti, come l’insalata ortolana di pollo.

Bestseller No. 1
Simmenthal Carne in Scatola di Bovino Magra Lessata con Gelatina Vegetale e Miele, 2 Lattine da 215...
  • Caratteristiche: tagli selezionati di gustosa carne magra, provenienti...
  • Qualità nutrizionali: alto contenuto di proteine nobili e basso...
  • Formato: confezione da 2 lattine di 215 grammi ciascuna
Bestseller No. 3
Simmenthal Piccante Insalata di Petto di Pollo con Fagiolini Cannellini, Mais e Fagioli Rossi, 1...
  • Caratteristiche: insalata pronta senza conservanti aggiunti a base di...
  • Valori nutrizionali: 30% di grassi rispetto alla media delle insalate...
  • Formato: confezione singola di 160 grammi
Bestseller No. 4
Carne SIMMENTHAL - 4 lattine da 90 grammi - Tot. 360 grammi
  • Formato speciale
  • Al suo gusto è impossibile resistere
  • Peso totale: 360 grammi (4 x 90 grammi)
OffertaBestseller No. 5
Simmenthal - Carne in Scatola di Bovino Magra Lessata e Condita con Peperoncino di Calabria, 2...
  • Caratteristiche: carne magra selezionata abbinata al carattere deciso...
  • Qualità nutrizionali: alto contenuto di proteine nobili e basso...
  • Formato: confezione da 2 lattine di 135 grammi ciascuna

Le carni in scatola non sono tutte uguali, in quanto la qualità degli ingredienti può cambiare considerevolmente da un marchio all’altro.

Nel caso della Simmenthal si può verificare il contenuto di ogni scatoletta consultando direttamente il sito ufficiale: al suo interno, pertanto, si trova carne magra selezionata avvolta in gelatina vegetale e miele, con una percentuale di grasso davvero irrisoria rispetto ad altri concorrenti del mercato (1,5%), ideale per preparazioni calde dove la stessa gelatina viene sciolta, oppure piatti freddi, quali insalate e toast farciti.

La Simmenthal fa male oppure no?

Ebbene, giunti a questo punto è naturale che sorga spontanea la domanda: se si decanta una tale qualità degli ingredienti, come mai alcuni sostengono che la carne in scatola è nociva?

Prima di tutto è bene precisare che non tutti i prodotti di questo genere sono uguali: mentre marchi come la Simmenthal possono vantare un alto contenuto di proteine nobili e diversi certificati di qualità, per altri resta oscura la reale origine delle componenti.

C’è da dire che in generale, secondo fonti scientifiche, la carne in scatola non è un alimento che andrebbe consumato troppo spesso, così come tutti i cibi conservati in salse all’interno di contenuti chiusi ermeticamente; difatti, sarebbe meglio prediligere i corrispettivi freschi.

Cosa è considerato nocivo della carne in scatola?

Sono tre le motivazioni principali per cui la Simmenthal e simili non andrebbero consumati quotidianamente:

  • Perché queste pietanze si conservino al meglio, è necessario aggiungere composti e additivi che sappiamo non essere salutari per il nostro organismo. In particolare, il nitrato di sodio è un conservante chimico largamente utilizzato per far durare più a lungo alimenti di vario genere, ma è considerato tossico sia per noi sia per l’ambiente.
  • Anche il contenitore gioca un ruolo importante nella qualità del prodotto che si andrà a gustare. È risaputo che la carne in scatola si mantiene inalterata per diversi mesi prima della scadenza, ma durante questo lasso di tempo delle piccole particelle di materiale potrebbero essere rilasciate, per poi andare a mischiarsi con lo stesso contenuto, facendolo diventare tossico.
  • Un ultimo problema si pone con la qualità stessa della materia prima, poiché non tutti ricavano la carne da fonti certificate come la Simmenthal; ci sono aziende che utilizzano scarti di diversi tagli, costituiti da nervi, grasso e cartilagine, per poi formare un tritato compatto che viene distribuito al pubblico. In questo caso, è molto probabile trovare indicata sulla confezione una presenza di proteine inferiore al 30%.

In conclusione, si può affermare che in linea generale i nutrizionisti non considerano salutare consumare alimenti in scatola, anche se comunque non apportano problemi significativi se vengono mangiati con moderazione. In questo caso, è bene scegliere prodotti dalla qualità certificata, come Simmenthal, controllando attentamente le specifiche degli ingredienti.

Monica

Benvenuti a tutti sul mio blog! Mi chiamo Monica e nella vita gestisco un salone di bellezza. Oltre a svolgere il mio lavoro ordinario, mi piace condividere con voi alcuni consigli di reale utilità per aiutarvi ad acquistare i prodotti giusti su misura per le vostre esigenze.

Vedi tutti i post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.